When you focus on problems, you'll have more problems, when you focus on possibilities, you'll have more opportunities"

Blog dedicato a chi vuole trasformare idee innovative
in prodotti digitali che si distinguono

Anomaly SEO Specialist - Onestà con i Clienti

Mi considero uno specialista SEO, ma per alcuni aspetti aggiungerei di tipo “anomalo” ecco perché: accetto di fornire la mia esperienza esclusivamente a titolari di siti web che già conoscono cosa significa SEO, e quindi non è necessario sgolarsi nel tentativo di far comprendere quali sono i vantaggi di questa complessa e fumosa attività applicata al proprio sito web. Soprattutto non è necessario specificare che i risultati si ottengono solo rispettando determinate procedure, che richiedono tempo, molto tempo, e quindi costanza e pazienza, ma principalmente voglio che i miei clienti sappiano che nulla è garantito! Sono del parere che chi garantisce e promette risultati eccezionali, prime posizione nei motori di ricerca, incremento vertiginoso del traffico verso il proprio sito, conversione dei visitatori in clienti con conseguente coda di gente che sgomita per riuscire ad entrare dentro il negozio, sono dei millantatori. Nulla di personale verso la stragrande maggioranza dei colleghi SEO che invece “garantiscono” tali risultati, ognuno è libero di operare come preferisce, ognuno ha la sua etica, io non prometto nulla per un semplicissimo motivo: so cosa e come devo fare per avere benefici SEO per una particolare attività, ma alla fine tutto dipende da Google: in ogni momento Google è libero di cambiare le regole del gioco e lo fa spesso, ed ogni sudata attività SEO fatta fino a quel momento, può andare letteralmente a farsi friggere in un secondo. Ecco perché non si può e non si dovrebbe fare promesse al cliente che si rivolge a noi cosiddetti SEO specialisti. Non neghiamolo, per essere considerati tali siamo costretti a spendere la maggior parte del nostro tempo a tenerci costantemente informati ed aggiornati sulle regole che Google impone, regole che purtroppo non sono scritte, regole che cambiano in continuazione, regole che noi SEO interpretiamo con prove e tentativi, modifiche, esperimenti, fallimenti. E’ come fare il progetto di una casa, realizzarla, e poi un’ordinanza del prefetto ce la fa abbattere perché è stata edificata in un terreno che – solo adesso – è stato ritenuto non più idoneo. Potevamo saperlo? Volete un altro esempio semplicissimo e paradossale? Ci hanno insegnato che alla guida dell’auto con il semaforo rosso dobbiamo fermarci, col verde possiamo passare. Google può cambiare questa regola mentre stiamo attraversando l’incrocio. Immaginate cosa potrebbe succedere? Non si possono garantire cose che non dipendono da noi stessi dall’inizio fino alla fine. Quando incontro un cliente desidero che questo punto sia chiaro. Ammetto che il più delle volte il cliente si rivolge ad un altro SEO perché interpreta questa mia “premessa” come una carenza professionale che mi rende incapace di garantire ed ottenere il risultato da lui aspettato. Perdere un cliente mi spiace ed amareggia, ma vedo che il tempo mi da ragione, e dopo un periodo più o meno lungo ho la soddisfazione di sentirmi dire dallo stesso cliente: “Sai, avevi ragione!” e si ricomincia a discutere su delle basi di stima, fiducia e trasparenza.

Grazie se condividi!

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn